Guida ai mutui

Ci sono diversi tipi di mutui disponibili sul mercato, sia per chi è alla ricerca della prima casa, che di una seconda o magari terza casa. Di seguito vediamo alcune delle opzioni più famose e diffuse.

Mutuo ipotecario a tasso fisso

Il tasso di interesse è fisso per tutta la durata del finanziamento, qualunque essa sia.

Vantaggi: migliori possibilità di organizzare il proprio bilancio mensile, dato che si sa quanto si paga ogni mese. Se i tassi salgono si potrebbe finire per pagare meno rispetto ad un tasso variabile.

Svantaggi: il tasso di interesse è più alto rispetto al variabile e se i tassi scendono si potrebbe finire per pagare più del necessario.

Mutuo ipotecario a tasso variabile

Il tasso di interesse può cambiare per la durata del finanziamento, qualunque essa sia. La variazione del tasso è calcolata sulla base dell’andamento del tasso di riferimento, che può essere Euribor (qui una guida di riferimento: euribor3mesi.com).

Vantaggi: tasso di interesse più basso rispetto all’opzione fissa. Se i tassi scendono, si risparmia sulla rata mensile.

Svantaggi: non si ha la sicurezza della rata periodica e se il tasso di interesse sale, si potrebbe finire per pagare più del necessario.

Mutuo ipotecario a tasso misto

Il tasso di interesse di questo mutuo può cambiare, come tipologia, nel corso della vita del finanziamento, passando da un fisso ad un variabile o viceversa. Di solito il debitore può chiedere alla banca di modificare il tasso ogni due anni circa.

Vantaggi: è possibile adattarsi alle modificazioni del mercato e reagire di conseguenza: se si rischia un rialzo dei tassi conviene tutelarsi con un tasso di interesse fisso, se si prevede un ribasso lo si può sfruttare con un tasso variabile.

Svantaggi: si potrebbe finire per essere “fuori sincro” con i movimenti dei tassi e non riuscire a sfruttare tutte le occasioni proposte dal mercato. Il tasso di interesse iniziale sta a metà strada tra il variabile e il fisso.

Come scegliere il mutuo migliore

Non è una cosa semplice riuscire a scegliere il mutuo casa migliore per le proprie esigenze, ma con un po’ di studio e analizzando la propria situazione si può trovare la soluzione ottimale.

E’ sempre consigliato anche farsi aiutare da un esperto del settore, che sia un professionista della banca presso cui si sta facendo domanda o un consulente esterno.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *